Come usare un datalogger: L’esempio di AZ-Delivery

AZ-Delivery datalogger

Un datalogger è uno strumento ideale quando occorre salvare le informazioni captate dai nostri sensori, ma non abbiamo una rete a disposizione: Vediamo l’esempio AZ-Delivery.

Il modulo data logger che prendiamo in considerazione oggi è adatto per schede SD formattate FAT16/FAT32. Il circuito integrato del cambio di livello da 3,3 V protegge la scheda SD da eventuali danni. Con un RTC in tempo reale, data e ora saranno preservati anche se Arduino non viene utilizzato.

Il cablaggio è relativamente semplice. E’ sufficiente installare il modulo su uno degli Arduino compatibili Arduino UNO, Duemilanove, Diecimila, Leonardo, ADK / Mega R3). Non appena lo shield è stato collegato, l’Arduino può essere alimentato con energia elettrica.

Programmare Arduino

Prima di poter iniziare con il processo di programmazione, dobbiamo scaricare e installa le librerie corrispondenti da git.
Scarica le risorse da qui: https://github.com/adafruit/RTClib/archive/master.zip
Decomprimi questo file zip nella cartella delle librerie di Arduino.

Selezionare File > Esempi > RTClib > ds1307.

La scheda Arduino dovrebbe essere già configurata correttamente, sotto la voce gestione. Solo allora è possibile iniziare con la trasmissione.
Per questo, dovresti fare clic sull’apposito tastino freccia a destra. Dopo un breve periodo di tempo, il programma sarà caricato su Arduino. Aprire il monitor seriale nel file Software Arduino:
Strumenti > Monitor seriale. Dopo l’apertura, il baud rate deve essere modificato a 57600.

Dopo un reset, viene immediatamente trasmesso “RTC NON è in esecuzione”, il che significa che l’orologio in tempo reale non è stato ancora attivato e configurato. Per attivare l’orologio in tempo reale, modificare leggermente il codice dell’esempio e cancellare, da un commento, i caratteri “//” che si trovano all’inizio della riga.

Cerchiamo la sezione di codice

e togliamo il commento alla riga seguente

quindi ricompiliamo il codice ed eseguiamolo: la scheda acquisirà automaticamente data e orario del nostro PC mentre la batteria tampone permetterà di mantenere le informazioni anche con Arduino spento.

Programmare il lettore di SD card

Per poter utilizzare una scheda SD con Arduino, è necessario prima formattarla come FAT16 o FAT32 con apposito software, ad esempio il programma SDFormatter.
Quindi lasciamo che le informazioni sulla scheda SD vengano mostrate. Per fare ciò, iniziamo:

Selezionare in File > Esempi > SD > CardInfo.
Poiché ci sono diversi shields per schede SD, dobbiamo comunque indicare il nostro shiekld nel file di codice:

È possibile ora regolare la velocità di trasmissione: Serial.println (57600);

Oppure è necessario regolare il baud rate nel monitor seriale (a 9600 Baud). Se tutto è stato completato correttamente, la scheda SD verrà riconosciuta:

az-delivery datalogger

Carichiamo ora l’esempio “fdatalogger” contenuto nella libreria che abbiamo appena installato, modifichiamo il valore per il nostro shield:

const int chipSelect = 10;

e modifichiamo il baud rate di conseguenza.

Dopo il caricamento, i valori dagli ingressi analogici 0, 1 e 2 verranno scritti sulla scheda SD in un file denominato “datalog.txt”. Basterà quindi collegare i nostri sensori con tali pin per avere i valori correttamente scritti sulla scheda. Ricordiamoci di cambiare periodicamente la SD in modo di avere la serie storica dei dati scaricati in ordine corretto.

Voila: siamo pronti a utilizzare il nostro datalogger AZ-Delivery per acquisire le informazioni ricevute dai sensori anche senza rete.

Link utili:

Join our groups on Telegram…

… and don’t forget our social channels!

Definire ciò che si è non risulta mai semplice o intuitivo, in specie quando nella vita si cerca costantemente di migliorarsi, di crescere tanto professionalmente quanto emotivamente. Lavoro per contribuire al mutamento dei settori cardine della computer science e per offrire sintesi ragionate e consulenza ad aziende e pubblicazioni ICT, ma anche perche’ ciò che riesco a portare a termine mi dà soddisfazione, piacere. Così come mi piace suonare (sax, tastiere, chitarra), cantare, scrivere (ho pubblicato 350 articoli scientfici e 3 libri sinora, ma non ho concluso ciò che ho da dire), leggere, Adoro la matematica, la logica, la filosofia, la scienza e la tecnologia, ed inseguo quel concetto di homo novus rinascimentale, cercando di completare quelle sezioni della mia vita che ancora appaiono poco ricche.

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.