Jetson Nano – Codificare in parallelo con FFmpeg

Jetson Nano codifica FFmpeg

Con il codice Jetson-FFMpeg, è possibile utilizzare FFmpeg su Jetson Nano attraverso le Multimedia API L4T, e sfruttare la codifica in hardware di H.264 e HEVC.

FFMpeg rappresenta un framework software altamente portabile per la gestione di dati multimediali. La libreria consente di codificare , decodificare, trascodificare, miscelare, demiscelare e inviare in stream, filtare ed eseguire praticamente qualsiasi formato binario multimediale. Compresi i formati più oscuri ed antiquati e le ultime novità. A prescindere dalla definizione delle specifiche, open o legacy.

Riguardo alla portabilità, FFmpeg compila, viene eseguito e supera a pieni voti qualsiasi infrastruttura di testing definita per Linux, Mac OS X, Microsoft Windows, tutti i sapori di BSD, Solaris e così via, all’interno di una enorme varietà di ambienti, architetture e configurazioni.

La presenza di un framework portabile ed efficiente consente anche all’utente finale di poter fruire di programmi di elaborazione audio-video mediamente complessi e ricchi di caratteristiche.

Non poteva quindi mancare la possibilità di utilizzare FFmpeg in ambito SBC.

Il progetto odierno, in particolare, è stato presentato da Jiiang Wei e sfrutta le caratteristiche di elaborazione parallela e le librerie CUDA disponibili per il piccolo Jetson Nano per velocizzare l’elaborazione delle informazioni digitali.

Configurazione del sistema

Per prima cosa occorre eseguire il build e l’installazione della libreria:

Bisogna quindi installare una patch per utilizzare la libreria con il nostro Jetson Nano:

Voila! Il nostro piccolo SBC è pronto per eseguire qualsiasi lavoro di manipolazione dati audio video con FFmpeg!

Ad esempio, utilizzare la libreria per la decodifica dei formati:

  • MPEG2
  • H.264/AVC
  • HEVC
  • VP8
  • VP9

attraverso il comando

oppure la codifica video per i formati

  • H.264/AVC
  • HEVC

con il comando

Se siete interessati a valutare la performance del Jetson Nano rispetto a quelle di un PC classico, restate collegati: stiamo preparando un mini-benchmark al riguardo!

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.